Radiografie dentali

Una diagnosi corretta e un piano di cura dettagliato ed accurato sono alla base di ogni intervento dentale. Senza la visita clinica e senza una radiografia dentale sarebbe quasi impossibile pianificare un intervento. Le radiografie dentali ci aiutano a diagnosticare i problemi dentali comuni, come la carie, la parodontite e alcuni tipi di infezioni. Consentono al dentista di vedere all’interno di un dente e sotto le gengive permettendogli così di valutare la salute dell’osso e dei tessuti che tengono i denti in posizione.

Esistono diversi tipi di radiografie dentali e il loro uso diagnostico dipende dal problema che il dentista individua nel paziente. I 4 tipi più comuni sono:

Radiografia periapicale: fa vedere i denti in maniera completa (corona, radice,tessuti circostanti). Permette di individuare ascessi, cisti, fratture, carie, denti inclusi. Si tratta di una radiografia eseguita su una pellicola radiografica di piccole dimensioni (30 x 40mm circa).

Bite-Wing: offre la visione dei denti posteriori inferiori e superiori. Esaminando questo tipo di radiografia il dentista può vedere se l’occlusione è corretta e a determinare se ci sono dei problemi tra i denti posteriori.

Radiografia panoramica: permette di vedere tutte le strutture del cavo orale, i denti, la mascella, la mandibola, i seni nasali e le strutture ossee. Viene usata come esame diagnostico per la valutazione iniziale nel caso dei impianti dentali.

Tac Dentale (Tomografia Assiale Computerizzata): si tratta di una radiografia approfondita, che fornisce un’immagine tridimensionale molto accurata delle strutture ossee e dentali. Un esame radiologico molto utile per verificare lo spessore osseo prima dell’inserimento degli impianti dentali.

dental-panoramic-xray-image

Precauzioni
Anche se le dosi di radiazioni che si ricevono durante una radiografia dentale, sono normalmente molto basse, ci sono delle precauzioni da prendere. Ricordatevi di avvisare il vostro dentista se siete o pensate di essere incinte – il vostro dentista valuterà la possibilità dell’esame radiologico.

Lo sapevate che
I raggi X sono stati scoperti dal dottor Wilhelm Rontgen nel 1896.Per questa straordinaria scoperta, che ancora oggi facilita il lavoro ai medici di tutto il mondo gli fu assegnato il primo Premio Nobel per la fisica nel 1901.

wilhelm-rontgen
Foto Wikipedia

drmartinko