Fumo ha un effetto negativo sulla flora batterica della bocca

In questo post blog, ho deciso di condividere con voi un articolo interessante pubblicato sul sito www.medicalnewstoday.com / Medical News Today

I scienziati del New York University Langone Medical Center hanno usato i test genetici precisi per scoprire gli effetti del fumo di sigaretta sulla funzionalità e il contenuto della flora batterica orale. I 1,204 soggetti testati avevano minimo 50 anni di età. Tra di loro c’erano 112 fumatori, 521 fumatori occasionali e 571 ex fumatori. 17% degli ex fumatori aveva smesso di fumare più di 10 anni fa.

I risultati ottenuti hanno dimostrato che la flora batterica della bocca di un fumatore sia molto differente dalla flora batterica degli non o ex fumatori. Il livello di 150 specie batteriche nella bocca di un fumatore è molto più elevato, mentre i livelli di altri microrganismi sono molto più bassi. I proteobatteri sono presenti al 4.6% nella bocca di un fumatore, mentre nei non fumatori questi livelli salgono al 11.7%. Si crede che i proteobatteri hanno il potere di disintegrare i composti tossici presenti nel fumo della sigaretta. Allo stesso tempo, nella bocca di un fumatori si trovano il 10% in più di specie di streptococco. Il streptococco, come ben saprete, è il batterio che causa la carie.

Smettendo si può ripristinare l’equilibrio dei batteri della bocca

Fumo ha un effetto negativo sulla flora batterica della bocca

Si è giunto alla conclusione che la flora batterica torna alla normalità se si smette di fumare. Questa è una buona notizia sopratutto perché non potremo più usare la scusa che ormai è troppo tardi e che la situazione è irreversibile. La flora batterica nei soggetti testati che hanno smesso di fumare più di dieci anni era quasi uguale a quella dei soggetti che non hanno mai fumato!

drmartinko